Tag Archives: ambiente

ABC al di sopra di ogni… regola

7b0b51f9-d5e3-483c-bb6f-bdcac62236a7

La campagna di ABC che invita a conferire correttamente i rifiuti dice “RISPETTA LE REGOLE”

I primi a non rispettarle sono proprio chi ha voluto ABC: dopo un anno di vita l’azienda speciale sfugge al controllo del Comune: senza regolamento sul controllo analogo, nessuno potrà mai controllare ABC.

Sta tutto qui il gioco.

Senza dati possiamo dire qualsiasi cosa: che l’azienda va bene, che l’azienda va meglio di prima, che l’azienda è in salute, che l’azienda produrrà utili, che l’azienda è il gioiello all’occhiello di questa amministrazione…

I fatti stanno diversamente: e non è cambiato nulla dalla gestione della raccolta rifiuti della curatela fallimentare della LtAmbiente.

Il sito non riporta informazioni fondamentali rispetto alle attività dell’azienda (verbali CdA…), non abbiamo avuto al 15 ottobre la previsione di bilancio dell’azienda e soprattutto mancano i documenti sui quali effettuare i controlli che il Comune deve operare nei confronti dell’azienda.
Non è un vezzo, è un obbligo di legge.
Praticamente, siamo fuori legge.

Dal 28 agosto il regolamento per il controllo analogo staziona in direzione generale dopo essere stato modificato in alcuni commi, come da suggerimento del dirigente Cappucci.
Da quella data non se ne sa più nulla.

Eppure nella lettera di accompagnamento firmata dal dirigente alle finanze e dal responsabile dei controlli su ABC c’era una sollecitazione forte a ultimare l’iter di questo atto, anche perché negli obiettivi del piano economico di gestione il termine per l’adozione del regolamento era ottobre 2018.

Ma a chi interessa che questo regolamento non venga adottato?
A chi interessa che non si controlli ABC?
Per quale motivo si vuole rallentare l’attivazione dei controlli?
Sarà forse perché l’azienda non è ancora in grado di poter rispondere a quei requisiti che il regolamento prevede
?

Ebbene, vediamo cosa dice la bozza di regolamento.

Si parla di relazioni periodiche con scadenze al 30 giugno e al 30 settembre sulla situazione economico finanziaria; si parla di relazioni trimestrali di cassa entro 45 giorni dalla scadenza del trimestre; si parla di un preconsuntivo di bilancio; si parla del rispetto delle modalità e della tempistica previste dalla normativa vigente e dalle linee guida impartite dal Comune; si parla della verifica dei crediti e debiti reciproci tra il Comune l’azienda da asseverare senza indugio e non oltre la fine dell’anno finanziario; si parla di un rapporto infrannuale relativo alla gestione del primo semestre; di un report sulla quantità e qualità dei servizi erogati; di un’analisi semestrale dei reclami; di un’analisi semestrale di Customer Satisfaction.

Si parla di obblighi rispetto a rapporti mensili sullo stato di attuazione del contratto di servizio; si parla di relazioni inviate con cadenza trimestrale rispetto alle segnalazioni da parte dei cittadini sulle carenze e i malfunzionamenti del servizio con sintesi delle operazioni compiute per il superamento delle criticità segnalate. Ogni sei mesi entro 30 giorni dalla scadenza del semestre ABC dovrebbe redigere un rapporto esaustivo sulle attività attivate sul proprio controllo di regolarità amministrativa; ogni sei mesi tutti gli atti inerenti le politiche di reclutamento del personale devono essere oggetto di controllo da parte del Comune; ogni sei mesi l’azienda deve relazionare alla commissione consiliare congiunta ambiente-bilancio…

Evidentemente questa amministrazione sta cedendo alla tentazione di non voler controllare la propria controllata, un po’ come succedeva anche per la LATINA AMBIENTE: zero controllo.

La finezza è che qui viene sottratto all’organo di controllo lo strumento per attuarlo.

Un po’ come far credere ad un bambino che gli si lascia guidare una macchina senza però dargli le chiavi.

Questione ampliamento Biogas a Borgo Montello.

L’interrogazione (leggi) che Enrico Forte ed io abbiamo posto all’Assessore all’Ambiente Lessio chiedeva per quale motivo il Comune era assente alla Conferenza dei Servizi IMG_1720decisoria indetta dalla Provincia rispetto all’ampliamento dell’impianto biogas presente nella discarica di Borgo Montello.

Un ampliamento da €10ML e da 2,6MW, potenza che pensiamo si giustifichi solo con un futuribile ampliamento della discarica, e questo non lo vogliamo né noi né tutto il Consiglio Comunale.

Il Comune di Latina riceve comunicazione di una Conferenza dei Servizi sull’ampliamento di un impianto biogas a Borgo Montello il 12 settembre 2016, i giornali ne parlano e il 22 novembre il Comune di Latina è assente alla riunione. (leggi la convocazione inviata al Comune) L’Assessore per ben due volte e a due giornalisti diversi dichiara che lui non ne sapeva nulla: dagli uffici non gli è arrivato nulla.

Come può il Comune essere assente ad una riunione così importante che riguarda un territorio già martoriato e per cui si è anche deliberato in Consiglio Comunale rispetto alla chiusura della discarica? Perché non viene presentata nessuna osservazione? Perché potenziare a dismisura un impianto già presente se vogliamo che la discarica si chiuda? Non sono sufficienti gli impianti già presenti a smaltire il gas?

Noi presentiamo questa interrogazione. (leggi l’interrogazione)

Nella sua risposta l’Assessore è più preoccupato ad attaccare il giornalista che aveva fatto emergere il caso che non a dare una risposta a noi. (leggi la risposta). Tra l’altro dichiara l’inutilità di quel passaggio in conferenza dei servizi in Provincia, come se tutto venisse deciso sopra le testa dei cittadini e lui non potesse farci nulla… Di fatto non ci risponde, anzi, alla fine, ci chiede in cosa consiste il “Lessio Gate” (????) di cui si parla in una articolo di giornale, che noi ignoriamo e che non era menzionato nella nostra interrogazione; evidentemente confonde i politici con chi racconta la politica sui giornali.

Riteniamo che l’assenza del Comune di Latina in questo passaggio decisorio un fatto grave e per questo chiediamo un’istruttoria per un’inchiesta interna per appurare eventuali responsabilità di chi ha omesso la comunicazione, oppure le dimissioni dell’Assessore.

E intanto in Provincia precisano che dalla conferenza dei servizi è pervenuto il solo parere dei Vigili del fuoco il 20 settembre 2016 e che “ad oggi non sono stati espressi dissensi qualificati delle amministrazioni interessate alla conferenza dei servizi”.

Perché il Comune di Latina era assente.

Biogas, Latina ambiente fallita e lo spettro dei rifiuti non raccolti.

Mercoledì 14 dicembre
pomeriggio

Commissione Ambiente.
L’assessore Roberto LESSIO ha relazionato in merito al fallimento della Latina Ambiente. Io penso che riguardo questo tema l’amministrazione stia prendendo una strada completamente sbagliata e alla fine ci porterà a sbattere.

Hanno detto di voler fare una società interna al Comune (in-house) nonostante le pessime condizioni organizzative e di personale dell’ente.
Nel frattempo rimanevano pendenti le sorti della nostra società partecipata della quale deteniamo il 51% delle azioni, ne siamo quindi i soci di maggioranza. A seguito di vicende che affondano le radici nel passato – ma che vanno gestite ancora oggi – la società vantava nei nostri confronti una serie di crediti e presentava anche una serie di debiti. Per verificare quanto dovevamo come comune nel 2013 è stato costituito un tavolo di tecnici del Comune di Latina che dovevano appurare lo stato dei crediti e dei debiti. Il lavoro svolto da tre dirigenti ed un funzionario era di tutto rispetto ed era arrivato ad una conclusione per la quale il Comune di Latina aveva un debito di circa 10 milioni nei confronti della LATINA AMBIENTE. Ebbene, l’assessore e l’amministrazione del sindaco Coletta non ha nemmeno ascoltato questi dirigenti e tecnici del Comune che avevano redatto questo lavoro ignorando completamente ciò che era stato fatto e le conclusioni.
La società da qualche giorno è stata dichiarata fallita ed io sono convinta che questa mancata certificazione dei crediti/debiti sia stata determinante a far decidere il tribunale a dichiarare fallita la società.
In queste condizioni il quadro normativo attuale non consente ai comuni che hanno avuto una società partecipata fallita, di costituirne una nuova per almeno cinque anni (se hai fatto fallire una tua società, come puoi pensare di essere in grado di farne una nuova?)
Nel frattempo abbiamo in corso una gara per l’affidamento esterno che al momento è sospesa perché non ha i requisiti che il sindaco e LBC vogliono ma che non può essere bloccata per volontà politica: è un atto gestionale, non politico!
Ci troviamo quindi nella condizione di

  • aver sospeso un bando pubblico (fatto dal prefetto BARBATO) al momento dell’apertura delle buste con rischio di contenziosi da parte delle ditte che hanno risposto
  • aver iniziato un percorso per la costituzione di una in-house con una legge che non ce lo consente (la Madia)
  • abbiamo portato la società Latina Ambiente al fallimento perché non abbiamo certificato quanto dovevamo (ora decideranno i giudici il quantum che noi dobbiamo alla società che probabilmente sarà molto più alto di quanto potevamo certificare)
  • ora i rifiuti vengono raccolti da una società fallita per la quale c’è un limite di operatività (30 giugno 2017);

se non costituiamo la nuova società per il 30 giugno o non terminiamo la gara affidando il servizio al vincitore della gara, non avremo chi ci raccoglie i rifiuti d’estate.

Centrale biogas a borgo Montello
Per completare il quadro della questione rifiuti, l’Assessore Lessio non si è presentato ad una importantissima conferenza dei servizi convocata dalla Provincia per la costruzione di un impianto biogas da 2,6 MWth nella discarica di Borgo Montello: la mancata partecipazione ha significato assenso alla costruzione di questa biogas.

Con Enrico Forte abbiamo presentato una interrogazione per conoscere i motivi della mancata partecipazione del Comune di Latina a questa importante riunione. Ma non avevamo deliberato in Consiglio Comunale che non si sarebbero dovuti fare ulteriori impianti in quel sito? Non avevamo deliberato tutti insieme che la discarica doveva essere chiusa?

Ebbene, in questo modo è stata favorita la costruzione di un impianto biogas a borgo Montello che non sappiamo a cosa altro porterà.

Centrali Biogas: un bene o un male?

La centrale biogas presente a Borgo Santa Maria, la Agri Power Plus,  ha organizzato, con l’associazione APS, una giornata di visita guidata all’impianto.
Abbiamo potuto fotografare e filmare qualsiasi cosa e documentare la visita.

Facevano da guida alcuni esperti che hanno spiegato nei minimi dettagli il funzionamento dell’impianto di produzione di energia rinnovabile e sostenibile.

Queste centrali sono oggetto di scontri molto forti da parte dei Comitati locali NO-BIOGAS che contestano la presenza di questi impianti.

Nel protocollo di Kyoto, che come paese abbiamo firmato, questi impianti sono elencati come uno degli strumenti per ridurre Co2 e produrre energia in modo sostenibile.

Venite con me a vedere di cosa si tratta.

Eternit in centro città

Dopo via Bassianese e Rio Martino, oggi anche Corso della Repubblica e via Lago Ascianghi, nel cuore del centro storico della città, interessate dalla presenza di eternit da bonificare. Una zona, la cosiddetta “dei pub”, frequentatissima dai più giovani e densamente popolata. La segnalazione arriva di nuovo da alcuni residenti a Nicoletta Zuliani, consigliera del Partito Democratico e vice presidente del consiglio comunale di Latina.

Eternit2

Il Comune di Latina spesso agisce contro l’eternit, ma su richiesta dei cittadini che segnalano le problematiche presenti o vicine ai luoghi da essi frequentati. La mia intenzione – dichiara Zuliani – è capire se l’Ente abbia idea o meno di quante situazioni restano da sanare in città. Tutti ricorderanno ancora il caso di via Bassianese, segnalato dai cittadini al consigliere del Pd Omar Sarubbo e poi il caso, più recente, segnalato a me che riguardava le lastre danneggiate a Rio Martino, a stagione balneare già avviata. Entrambe situazioni sanate grazie all’intervento di consiglieri comunali avvisati da privati. Ciò che vorrei sapere è se dobbiamo continuare ad affidarci alle segnalazioni dei cittadini per gli interventi di bonifica o se l’amministrazione intenda procedere autonomamente per salvaguardare la salute pubblica ed ottemperare ad un obbligo di legge”.

Eternit1

Zuliani, in proposito, la mattina del 19 giugno ha presentato un’interrogazione sull’eternit in città (leggi l’interrogazione) Nel testo, che si rivolge in primis al sindaco Giovanni Di Giorgi quale tutore della salute pubblica, si chiede: riguardo al caso specifico di Corso della Repubblica e via Lago Ascianghi, “se l’amministrazione sia a conoscenza della presenza di amianto nel centro cittadino e se ne sia stata verificata l’integrità ” e, più in generale, “se esista una mappatura del territorio comunale rispetto alla presenza di tale sostanza, così come un progetto di bonifica per gli edifici pubblici che presentano questo tipo di coperture; se sia prevista una forma di contributo economico o compartecipazione del Comune per i privati cittadini che sono obbligati ad intervenire su aree con presenza di amianto e quale capitolo di bilancio sia dedicato alla bonifica o messa in sicurezza delle strutture che presentano eternit. Quali iniziative, inoltre, siano state intraprese – dal 2011 – rispetto alla presenza di amianto nel territorio comunale e quali si intendano intraprendere da oggi alla fine della consiliatura”.

Commissione Ambiente 5/8/2011

277978-BICI.jpg

Questa mattina in Commissione Ambiente abbiamo approvato la proposta fatta da Maurizio Patarini di partecipare, come città di Latina, alla Settimana Europea della Mobilità Sostenibile.

La settimana sarà dal 16 al 22 settembre e intendiamo coinvolgere tutte le categorie cittadine.

L’iniziativa negli anni è diventato un appuntamento internazionale che ha l’obiettivo di incoraggiare i cittadini all’utilizzo dei mezzi di trasporto alternativi all’auto privata per gli spostamenti quotidiani: a piedi, in bicicletta, o con mezzi pubblici. Sono modalità di trasporto sostenibile che, soprattutto per chi vive in città, oltre a ridurre le emissioni di gas climalteranti, l’inquinamento acustico e la congestione, possono giocare un ruolo importante per il benessere fisico e mentale di tutti.

Vogliamo cercare di agire sull’”habitus” dei latinensi: proviamo a non usare la macchina per una settimana. Andiamo a scuola, a lavoro, a fare la spesa, ai nostri appuntamenti ecc… usando la bici, i mezzi pubblici o le nostre gambe.

Mettiamo alla prova noi e la nostra città per una settimana. Alla fine sapremo dire cosa ci manca e cosa manca a Latina per diventare una città Europea…

So già che la lista sarà lunghissima, ma l’inizio è stato il voto unanime di tutta la Commissione.

E sarà di certo di buon auspicio.