Le donne di Latina e la “cultura della maggioranza”

La maggioranza sta rimpallando la decisione se e come intervenire sulla questione della toponomastica femminile.
Dal Consiglio di gennaio, (leggi la mozione) si è rimandata la discussione in Commissione (che non è mai stata riunita);  mozione di nuovo in consiglio ma “congelata” per ridiscuterla in commissione…
Ho presentato e abbiamo chiesto di votare degli emendamenti al Regolamento sulla Toponomastica per dare un indirizzo nella direzione del riconoscimento di un ritardo nella valorizzazione di figure femminili (leggi le modifiche proposte). 4 voti contrari, un astenuto e tre voti favorevoli: le modifiche non sono passate.
È passata la proposta avanzata dal mio collega Porcari di inserire nella Commissione Toponomastica (quella cha vaglierà i nominativi) la figura della Presidente della Commissione Pari Opportunità. Questa proposta è passata. Ma se consideriamo che ad oggi non c’è né Commissione Pari Opportunità né Presidente… si capisce perché l’indirizzo in un regolamento faccia più paura.
20130515-160534.jpg
Le donne sono invisibili nel linguaggio, nella segnaletica stradale e nella toponomastica così che siamo considerate più corpi che persone, con tutte le conseguenze che ne derivano.
La toponomastica è importante perché sintomo di un disvalore.
I nostri politici cittadini faticano a riconoscere questo debito storico e culturale nei confronti delle figure femminili che hanno contribuito alla storia della nostra città e del nostro paese.
Per agire e ripristinare l’equilibrio di una valorizzazione occorre prima riconoscere un “debito“. La maggioranza, fatta esclusione per il consigliere Bruni, preferisce dire “no” a questa proposta con la scusa che “da nessuna parte è vietato intitolare luoghi pubblici a donne”.
Il fatto culturale non è preso minimamente in considerazione.
Prendiamo atto, e riporteremo la discussione in Consiglio: credo siamo l’unica città italiana ad avere problemi di questo tipo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>