Al Karama. Tutto fermo: amministrazione incapace.

schermata-2018-10-29-alle-10-42-22 Dopo oltre un anno dalla commissione trasparenza in cui convocai i 4 servizi coinvolti dalla questione Al Karama (Lavori Pubblici, Servizi Sociali, Patrimonio e Anagrafe) ancora nulla è stato fatto rispetto ad un tema che LBC dichiarava prioritario.

Perché un conto è quando hai a che fare con carte e adempimenti, altro è quando ci sono di mezzo persone e soprattutto bambini: l’immobilismo su questo fronte non ha giustificazioni e mi porta ad affermare che se non si è capaci di fare le cose, è meglio lasciarle fare agli altri.

Il sito, su cui insistono le casupole di Al Karama in cui vivono persone e bambini, è terribile: spesso una fogna a cielo aperto, presenza di amianto e topi che scorrazzano.

Il terreno è di proprietà della Regione e il documento che consente al Comune di Latina l’utilizzo è scaduto da oltre un anno. L’impegno dell’amministrazione al termine della commissione del settembre 2017 era di andare in Regione e prolungare la convenzione per l’uso dell’area per avere le carte in regola per proseguire con tutte le operazioni necessarie.

Neanche questo è stato fatto.

La proposta del PD di costituire una commissione speciale che si occupasse di mettere in fila le numerose questioni e garantire tempi certi per portare risolvere la questione definitivamente, non fu accolta da LBC che motivò dicendo che era stato attivato un tavolo tra i vari servizi per ordinare il tutto con a capo la Segretaria Generale. Come dire: ci stiamo pensando noi, sappiamo come fare.

Risultano solo due incontri fatti a maggio 2017 con la Segreteria Generale e i servizi Servizi Sociali e Lavori pubblici, non verbalizzati e ai quali non è stato mai dato seguito.

La soluzione? Va sbloccata la situazione di stallo dell’ultimazione dei lavori per la costruzione di moduli abitativi già finanziati; va liberata e bonificata l’attuale area occupata dalle persone, trasferendo, nell’area adiacente sempre di proprietà della regione, i residenti che ne hanno diritto.

Nel frattempo la piattaforma di cemento con tutte le infrastrutture per le utenze già pronte per i moduli abitativi è diventata una discarica a cielo aperto per materiale edilizio lì versato in modo illegale.

Degrado chiama degrado e illegalità.

schermata-2018-10-29-alle-10-41-46Ci sono residenti di Al Karama in regola, con un regolare contratto di lavoro e altri non in regola e noti delinquenti.  I regolari abbiamo il dovere di tutelarli, soprattutto le famiglie con bambini. Questo distinguo verrebbe finalmente attuato con la sistemazione in moduli abitativi dignitosi dei regolari, mentre chi delinque va allontanato soprattutto dai bambini che oggi, purtroppo, rischiano di “frequentare”, loro malgrado, una scuola di delinquenza.

Oneri e onori per chi governa: LBC e l’amministrazione sono oggi responsabili di questa promessa non mantenuta e dei no detti alla minoranza PD che fece la sua proposta.

Un prezzo altissimo per l’umanità coinvolta.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>