Skatepark: il sindaco risponde… a parole

Questa mattina il sindaco manda una nota agli organi di stampa che dice: “Come ho già fatto in altre sedi confermo la mia volontà e quella dell’intera maggioranza di realizzare uno Skate park in un’area adeguata della città che possa consentire ai giovani appassionati di questa bellissima disciplina di poterla praticare in una struttura adeguata e con le necessarie condizioni di sicurezza (…) Se la consigliera Nicoletta Zuliani avesse avuto veramente a cuore quest’opera, come io ho a cuore, invece di raccogliere firme o di parlare a mezzo stampa utilizzando termine forti e davvero inappropriati (…), avrebbe fatto cosa importante nel confrontarsi con me in maniera costruttiva, lavorando insieme per soddisfare le giuste esigenze dei nostri giovani”.

nicpizzo«Ci fa piacere sapere che il progetto dello skate park non è andato a morire, ma resto dell’idea che le parole di un sindaco siano importanti e abbiano il loro peso. Il primo cittadino di Latina aveva detto che lo skate park sarebbe stato inserito nel progetto preliminare di riqualificazione del parco San Marco e non solo non è stato fatto, ma lo stesso sindaco nemmeno si è preoccupato di comunicare nulla in anticipo di questo ripensamento con un comunicato o chiamando i diretti interessati che erano certi di avere lo skatepark a breve nel Parco San Marco. Stando così le cose non posso che interpretare le parole dette nel consiglio del 29 ottobre come mere intenzioni, non come un impegno vero, testimoniato da atti amministrativi».

skaters«Al di là del ritardo con cui il sindaco ha spiegato i motivi per i quali lo skate park non è stato inserito all’interno del più ampio progetto di rifacimento e riqualificazione del parco San Marco – sottolinea la Zuliani – sarebbe importante che Di Giorgi prendesse contatto diretto con le parti che hanno richiesto quest’intervento, tenendo per esempio un’assemblea pubblica in cui spiegare ai cittadini e ai ragazzi che hanno creduto e ancora credono in quest’iniziativa DOVE e QUANDO sarà costruito quest’impianto sportivo di cui si parla nella nota inviata oggi alle redazioni. Perché l’informazione data direttamente dalla fonte e il contatto diretto sono il modo più credibile per costruire una politica che abbia veramente al centro il cittadino».

La consigliera democratica, nel rispetto del ruolo che le compete, controllerà e vigilerà sull’operato della maggioranza e perché tutto quanto è necessario per la realizzazione dello skate park sia effettivamente svolto. «Ma – dichiara scettica – se rispetto ad importanti atti amministrativi che si sarebbero dovuti discutere e deliberare in questi giorni questa parte politica non è riuscita a garantire il numero legale necessario in consiglio comunale e quindi la responsabilità rispetto a impegni assunti nei confronti dei cittadini, immagino con quale impegno si dedicherà a un progetto “minore” come questo».

«Quello dello skate park non è affatto un progetto minore perché interessa la parte più importante della nostra città, ovvero i giovani. Avevamo creduto a una parola data – perché la parola del sindaco è verità – ma i fatti lo hanno smentito. Ora – conclude la Zuliani – ci aspettiamo di vedere un capitolo in bilancio con soldi stanziati allo scopo e l’inserimento dello skatepark nel piano triennale delle opere pubbliche.

Solo questo potrà dare sostanza alla parola del sindaco».

 

2 Responses to Skatepark: il sindaco risponde… a parole

  1. bene alle buone intenzioni del sindaco: perchè dovrebbero pattinare solo i giovani? anche io over 70 desidero ancora pattinare,magari insieme al mio nipotino di 5 anni.<<<<<<<<chiedo magari di affrettarsi e non farmi aspettare anni! Grazie!

  2. Vincenzo Ranfone

    Cara Nicoletta, mi introduco in questo articolo per evidenziarti una situazione che credo ben conosci e che non riguarda la nostra città, bensì la nostra regione.
    E’ notizia di questi giorni che l’irpef regionale sia stata deliberata in aumento da 1,73 al 2,33 per il 2014 ed addirittura al 3,33 per il 2015.
    Sicuramente andrebbe fatto un dibattito ampio per entrare nel merito della questione, ma credo che così di primo impatto “sembra” che qualunque maggioranza governi la nostra regione, le vie sono SEMPRE LE STESSE e pagano sempre coloro che hanno sempre pagato.
    I sindacati regionali hanno fatto una lettera aperta a Zingaretti, non sò se anche tu puoi farti portavoce dal basso per provare a far trovare ai rappresentanti regionali le risorse necessarie da strade NUOVE quali tagli ai costi della politica che nella nostra regione ci sembrano comunque altissimi. Grazie

Rispondi a Vincenzo Ranfone Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>