Renzi chiama i sindaci: Latina non è pronta.

Sindaci chiamati ad indicare una scuola da ristrutturare. Ma quali saranno i criteri di questa scelta? L’amministrazione non è pronta all’appello di Renzi.
Nicoletta Zuliani: «Negli uffici tutto tace»

20140306-194630.jpg«Abbiamo la possibilità di indicare al governo un edificio scolastico del nostro comune per cui è prioritario un intervento di ammodernamento e di messa in sicurezza, ma quali saranno i criteri per stabilire quale scuola segnalare come oggetto di tale intervento? Il parere degli uffici tecnici preposti non basta perché la scelta cui l’amministrazione è chiamata non dovrebbe prescindere da un confronto con chi opera nel settore dell’istruzione. Senza la Consulta della Scuola, per cui mi batto da sempre, questo confronto diventa difficile o lo si bypassa col risultato che si rischia di perdere un’opportunità importante».

La consigliera del Partito democratico Nicoletta Zuliani mette sull’attenti l’amministrazione comunale perché non vada sciupata la possibilità di ristrutturare un edificio scolastico della città in forza della lettera inviata dal Presidente del Consiglio ai sindaci italiani con l’invito di indicare entro il 15 marzo una struttura del proprio comune particolarmente bisognosa di interventi di restauro. «I tempi sono stretti e l’amministrazione comunale non è pronta» denuncia la Zuliani. «Le commissioni Istruzione (ex Ialongo) e Lavori Pubblici (ex Nasso) – sottolinea la consigliera – non mi sembra che abbiano colto l’opportunità di formulare alcun contributo. Nel settore dei lavori pubblici, cui fa capo l’edilizia scolastica, abbiamo tra l’altro un dirigente ad interim. C’è a disposizione uno studio di tre tecnici esterni costato 80mila euro che illustra il piano esigenziale degli edifici scolastici comunali, ma quando si parla di scuole non ci si può limitare a considerarne l’aspetto strutturale. Ci sarebbe da capire, per esempio, se una data struttura si trova in un luogo di espansione o di riduzione scolastica. Ci sono altri elementi importanti cui non si può prescindere e che solo chi vive sulla propria pelle la scuola può fornire».

La consigliera coglie la palla al balzo per rivendicare l’attivazione della Consulta della Scuola, la cui necessità emerge ancora di più oggi di fronte alla missiva di Renzi. «L’istituzione della Consulta – ricorda la Zuliani – è stata approvata all’unanimità dal consiglio comunale, avrebbe potuto fornire a costo zero elementi utili a capire quale edificio fosse opportuno scegliere con criteri condivisi da chi vive la scuola, ma non è mai stata insediata. Chi sceglierà dunque? E quali saranno i criteri a monte di questa scelta? La vicinanza del preside al sindaco? La sicurezza? La proiezione di espansione o contrazione? Le idee dei dirigenti dei servizi coinvolti?» si chiede la democratica.

«La necessità di partecipare alle scelte dell’amministrazione è sempre più forte, specialmente se tali scelte coinvolgono i cittadini del futuro della nostra città che non hanno colori o appartenenze politiche. Per questo – ribadisce la Zuliani – ho spinto tanto per attivare la Consulta, uno strumento di ascolto delle istanze provenienti dal territorio e da interlocutori altri dagli istituzionali, ovvero dirigenti scolastici, sindacati di categoria, rappresentati dei genitori. Nessuno meglio di loro può dire quali esigenze ha la scuola per cui operano e di quali interventi strutturali avrebbe bisogno. Senza questo strumento – conclude la consigliera – rischiamo di arrivare impreparati agli appuntamenti che ci attendono: oggi è l’appuntamento con la lettera del Presidente del Consiglio ai sindaci, ieri è stato il bando certo per la costruzione di nuove scuole (unico criterio era quello cronologico di arrivo della domanda) domani chissà. Intanto rischiamo di sprecare un’altra grande occasione sul fronte dell’edilizia scolastica, un tema sul quale non possiamo essere impreparati».

6 Responses to Renzi chiama i sindaci: Latina non è pronta.

  1. Occorrono lavori immediati alla scuola metrena di via Cimarosa per i seguenti motivi:
    Rischia la chiusura la scuola dell’infanzia di Largo Cimarosa, che fa parte dell’Istituto Comprensivo “Don Milani” del Q4 a causa di alcune uscite di emergenza non utilizzabili.

    Apprendiamo da fonti attendibili che da una ispezione dei Vigili del Fuoco sarebbe risultato che alcune uscite di emergenza sono bloccate dal cantiere di costruzione della nuova ala dell’edificio, quindi di fatto non utilizzabili. Questo lascerebbe l’edificio con un numero di uscite inferiori a quello previsto dalle norme di sicurezza. Da qui l’ingiunzione a ripristinare le uscite di emergenza entro tempi brevissimi, pena la chiusura della scuola.

    E allora forse potremmo aiutare i nostri amministratori a scegliere la scuola da ristrutturare.
    Ciao Ferdinando Cedrone (Freddy)

    • La questione delle uscite di sicurezza è minima come intervento rispetto all’entità del finanziamento che possiamo ricevere: dobbiamo individuare una scuola…
      Io considererei anche le scuole superiori. Ce ne sono alcune che fanno spavento…

  2. d’accordo, però quella rischia di chiudere…
    freddy

    • non rischia di chiudere, tranquillo. Bisogna solo fare un po’ di pressione (come al solito). Tra l’altro, ci hanno messo pure i soldi da bilancio comunale avendo PERSO quelli del finanziamento regionale!!!!

  3. MARIA LETIZIA PUDDIGHINU

    Ma sapete in quale stato di degrado versa il liceo artistico di Latina?
    la Zuliani è venuta sabato a vedere le condizioni dello stabile ed è rimasta molto male nel vedere in che condizioni studiano i nostri ragazzi. Muri che perdono acqua, buchi nel terreno del cortile che la provincia non ha più richiuso dopo dei lavori svolti,ci sono aule in cui si fa lezione senza porte perché essendo pericolanti le hanno dovute smontare.
    Il liceo artistico si trova nei locali che erano della scuola media Aleardo Aleardi, mai rinnovata dagli anni settanta.
    Una struttura che forma i ragazzi di tutta la provincia, che è sempre stato considerato il fanalino di coda delle scuole eppure da questa scuola usciranno futuri architetti, grafici, scenografi, designers , pittori e scultori, persone che dovranno difendere il nostro patrimonio artistico.
    Vi prego! Facciamo qualcosa per loro!

    • Domani scriverò un comunicato dove chiedo al sindaco e all’amministrazione comunale di Latina di indicare il Liceo Artistico per l’intervento richiesto dal presidente Renzi sull’edilizia scolastica.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>